Sergio Quinzio
 
info@amicidisergioquinzio.it
Associazione Amici di Sergio Quinzio
Associazione Amici di Sergio Quinzio
 
 
 
  Associazione Sergio Quinzio blog Fotografie Video Links
 

Non è a mio avviso possibile, né serio, tentare di comprendere l'opera di un pensatore senza prestare una qualche attenzione a ciò che l'ha circondato negli anni della formazione e questo è ancor più necessario quando si tratti di autori contemporanei, ove il concetto di contemporaneità non deve dimenticare l'enormità dei mutamenti avvenuti nel nostro mondo nell'arco di pochi decenni. Sergio Quinzio nasce ad Alassio il cinque maggio 1927, assieme all'Opera nazionale balilla ed alla Carta del Lavoro, base dell'ordinamento corporativo fascista. Nello stesso anno viene imposta la cosiddetta tassa sui celibi, uno dei provvedimenti volti ad incrementare le nascite e viene posto il divieto all'accesso femminile alle cattedre di filosofia e di storia, lettere italiane, lettere latine e greche nei licei. Sul fronte più propriamente politico sono gli anni in cui si consolida il Regime, mentre l'Italia punta tanto alla riconquista della Libia che a veder confermata la posizione privilegiata sull'Etiopia. È così che il piccolo Sergio, che frequenta le scuole elementari e poi il ginnasio presso il locale istituto dei Padri salesiani, sogna un giorno di andare in Africa a combattere tigri e leoni. Nel frattempo si allena, virtualmente diremmo oggi, combattendo col suo esercito di soldatini, guidati dal Re Leone, contro quello del Re Cavallo, comandato dal fratello maggiore, allo scopo di decretare chi dovrà essere fra loro il Papa Imperatore. È nell'ambito di quel gioco che compare, curiosamente, una sorta di premonizione circa quella che diventerà la ragione stessa della vita di Quinzio. Profondamente colpito dalla prematura scomparsa del papà di un compagno di scuola, Sergio domanda al fratello Patrizio se, diventando Re Imperatore, potrà un giorno evitare che i suoi genitori muoiano. Ovvia la risposta di Patrizio, ormai adolescente: "No, questo nessun re può farlo; potrai solo pregare per loro sperando di essere ascoltato". Così spiega, e aggiunge che c'è un libro, un libro molto difficile che nessuno sa ben spiegare e che parla di tutto questo: la Bibbia. Il piccolo Sergio, nulla più che un bambino, risponde allora che lui, da grande, quel libro lo spiegherà. Questo è quanto racconta Patrizio, oggi ottantacinquenne, unico fratello di Sergio Quinzio, che molti anni dopo suggerirà a Sergio la pubblicazione dei pensieri contenuti nelle lettere che si scambiavano e che diventeranno il Diario profetico, edito da Guanda nel 1958.

PER UNA BIBLIOGRAFIA DI SERGIO QUINZIO

Attualmente, la bibliografia di Sergio Quinzio resta una questione irrisolta. La produzione, assai vasta, copre un arco temporale di circa quarant’anni e comprende saggi, contributi, articoli per riviste, quotidiani e periodici assai numerosi e diversificati, ed altro ancora.

In attesa di un lavoro organico, realizzato secondo criteri rigorosi, l’elenco bibliografico più completo resta quello pubblicato dalla rivista Bailamme, n. 20/1996, a cura di Anna Giannatiempo Quinzio, Nicola Baldoni e Calogero Rizzo.
Si tratta di un elenco bibliografico corposo ma sommariamente organizzato, e che risulta perciò di difficile consultazione. Ormai datato, richiederebbe una revisione che includa nuove sezioni relative ai contributi dedicati a Quinzio e alla sua opera, nonché a tutto quanto si muove attorno al personaggio in ambiti diversi, anche in riferimento ai nuovi supporti multimediali.

 
DVD Sergio Quinzio - vita, opere, pensiero Scarica il trailer del DVD "Sergio Quinzio - Vita, opere, pensiero"

MPEG-4
Ultimi articoli del blog
Archivio articoli
 
 
ORASIS design | www.orasisdesign.it